Al via dunque il “governo dell’inganno”. Anche il ministero della difesa muove i suoi primi passi

Condividi sui tuoi social
20

Al suo primo giorno al dicastero la ministra della Difesa Elisabetta Trenta, a quanto si apprende da una nota dell’ANSA, ha chiesto il trasferimento, a decorrere dalla data del 6 giugno 2018, del proprio marito capitano Claudio Passarelli.

Passarelli …..passa….  dunque da ufficiale addetto alla segreteria del vice direttore nazionale degli armamenti all’ufficio Affari Generali con conseguente aumento stipendio.

Si tratta, fanno sapere fonti vicino al ministro, di uno spostamento richiesto «per questioni di opportunità».

A dire il vero non appare un gesto di grande CAMBIAMENTO…! Se non forse nella fretta di mettera a segno un primo segnale di concretezza, chiamiamola così !

Il ruolo di Passarelli aveva generato forti accuse di conflitto di interessi nei confronti del ministro Elisabetta Trenta. segnalate con  notevole vigore da parte delle forze di opposizione all’attuale Governo giallo/verde.

Se il buon giorno si vede dal mattino, siamo messi proprio bene.

 

admin

Sono un amministratore per questo sito internet